PRIMO CENTENARIO DELL'ARMA

Descrizione del quadro da parte dell'autore Comm. Prof. QUINTO CENNI. 14 aprile 1914

Al centro, preceduto da un trombettiere dei Carabinieri Reali e da uno dei Carabinieri Guardie (Corazzieri) preoede il Comandante Generale dell'Arma seguito da un Ufficiale in funzione di Ufficiale d'Ordinanza, da un Sottotenente che porta la Bandiera dell'Arma con tutte le sue medaglie e da un Maresciallo dei Carabinieri Guardie con un Guidone Reale.

Seguono, sempre al centro e misti fra loro, ma perfettamente distinti, i Carabinieri Reali (Ufficiali, Sottufficiali, Trombettieri e Truppa) colle varie uniformi dal 1814 ad oggi: distinguendosi in principal modo fra gli altri: i Carabinieri Reali col loro timballiere e trombettiere e colla Corazza, istituita temporaneamente per le nozze del Principe Ereditario e poscia Re Umberto I° (1868); questi ultimi, base dell'attuale Squadrone Carabinieri Guardie.

Fiancheggiano la colonna centrale: all'estrema destra della direzione di marcia, ed una dopo le altre, le Guardie 1560-1830 delle quali lo squadrone attuale dei Carabinieri Guardie ha raccolto ufficialmente le tradizioni. Poi vengono tutti i Cavalleggeri di Sardegna, colle loro varie denominazioni ed uniformi 1726 (in panno rosso e canarino, dragoni leggeri) ai Carabinieri Reali di Sardegna 1859-60 (distinte prima in cremisi poi in azzurro chiaro e col sakò) e delle tradizioni delle quali la Legione di Cagliari è diventata depositaria ufficiale.

Fiancheggiano la colonna centrale, a sinistra della direzione di marcia, i reparti coloniali dell'Arma (Libia, Eritrea, Somalia) coi loro Ufficiali e Sottufficiali Italiani.

Chiudono a destra della colonna stessa i Carabinieri Reali ausiliari a piedi e a cavallo (bersaglieri, linea cavalleria) del '71-'73 e attuali; mentre, a sinistra della direzione di marcia, si presentano Ufficiali e Truppa in varie uniformi. Chiude infine la multiforme e variopinta colonna uno Squadrone di Carabinieri Reali a cavallo di 40 file su 2 righe, preceduto da un Colonnello, un Capitano Aiutante Maggiore, un Brigadiere Trombettiere ed un Brigadiere d'Ordinanza e dal proprio Capitano Comandante.

Tutto intorno i ritratti dei 23 successivi Generali dal 1814 ad oggi, e tre quadri rappresentanti la carica famosa di Pastrengo 1848; e quella poco conosciuta ma meritevole di ricordo, di Custoza del 24 giugno 1866 e la carica del Capitano Morazzo e dei suoi 10 Carabinieri Reali a piedi alla testa delle Guardie Nazionali e dei Cittadini lungo il ponte di ferro a Casale Monferrato contro gli Austriaci che assediavano quella città. Il fatto avvenne il 25 marzo 1849 e nel fatto, il Capitano Morazzo rimase eroicamente estinto insieme ai suoi Carabinieri Reali.

Il quadro è reso ancora più interessante mediante la veduta fantastica del fondo nel quale torreggia il grandioso monumento al gran Re Vittorio Emanuele II°. 

By   MF

Galleria foto: RICERCHE STORICHE